Pozzato al Laigueglia operazione rientro atto secondo

Pozzato al Laigueglia operazione rientro atto secondo

Il talento di Sandrigo al via del Laigueglia ha percorso 130 km in gruppo
per poi ritirarsi. Il dottor Tarsi: “tutto come da programma”.


LAIGUEGLIA (SV) - “Doveva percorrere 130 km circa e l’ha fatto.
All’imbocco della terza salita l’abbiamo affiancato per dirgli di non esagerare,
di evitare i fuori soglia e di rientrare ai box, come da programma” - a raccontare
la particolare giornata del capitano Farnese Vini Selle Italia è il medico sociale
del team, dottor Daniele Tarsi
, che nella giornata che ha incoronato
il giovane Moser (Liquigas) è stato in ammiraglia insieme a Luca Scinto
per supervisionare il rientro di Pozzato: “Sappiamo che abbiamo corso alcuni rischi,
ma fa parte del mestiere del corridore e del nostro mondo. Filippo era motivato
e concentrato, per questo ha saputo evitare rischi e difficoltà. Il test del Laigueglia
è stato superato pienamente, sia a livello fisico che psicologico”.
Il rientro - record è dunque andato bene, con Pozzato soddisfatto della giornata:
“Mi sono staccato che non ero a tutta, ma vista la settimana da cui vengo
va benissimo così. Con il doc (Tarsi, appunto) e Luca (Scinto, che martedì
e mercoledì sarà al lavoro insieme a Pippo) abbiamo preferito non strafare,
e sono felice di essere partito e della corsa che ho fatto. Ringrazio poi il Laigueglia
per il calore dimostratomi e per il premio per la combattività, spero di ripagarli
tornando per vincere”. Ora il capitano giallo - fluo affronterà una settimana
tutta particolare, da supervisionare, in vista dei prossimi impegni agonistici:
“Sarò con Pippo per due giorni per valutare il programma delle corse,
in base anche alle indicazioni di Tarsi. Ma sicuramente torniamo a casa
con un pieno successo” - chiosa Luca Scinto.
Il Trofeo Laigueglia è stato inoltre condito da una fuga a cinque in cui era presente
Alfredo Balloni, al vento per tre quarti di corsa e ripreso soltanto nel finale.
Nel primo gruppo a giocarsi la volata per la piazza d’onore, sono arrivati anche
Elia Favilli (12°) e Francesco Failli (20°), rimasti chiusi in volata.

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrire una migliore esperienza. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più leggi la nostra Privacy Policy .
Hai accettato l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito